Perche’ un Avvocato Pensa Che Aver Partecipato a Simulazioni Online di Mediazione Ha Migliorato la Qualita’ della Sua Comunicazione

Mediazione Online - Andrea BoscatoNegli ultimi tre mesi, il Dott. Andrea Boscato (in basso a sinistra), praticante avvocato a Rovereto (TN), ha partecipato ad alcune nostre simulazioni online di mediazione in Italiano – in alcuni casi svolgendo il ruolo di avvocato di una delle parti; in altri, svolgendo il ruolo di una delle parti.

Dopo che gli ho chiesto cosa ha scoperto e imparato durante le nostre simulazioni, ha scritto questo articolo, in cui spiega perche’ quella esperienza gli e’ stata utile per migliorare le sue “capacità di riflessione strategica, argomentazione, ascolto e dialogo costruttivo”.

~~~
Mediazione on-line: un utile “training” per migliorare la qualità della propria comunicazione.

“La qualità della nostra vita è direttamente proporzionale alla qualità della nostra comunicazione” e la mediazione on-line è uno strumento molto efficace ed innovativo per migliorare le proprie capacità comunicative.

Le mediazioni virtuali permettono alle parti di immergersi all’interno di una concreta problematica giuridica e questo “status artificiale virtuale” consente un intenso allenamento della propria sensibilità espressiva.

La mediazione on-line permette di gestire al meglio le proprie emozioni ed il proprio “stress interiore” durante una simulazione virtuale spesso delicata e complessa.

Le mediazioni virtuali permettono alle parti di migliorare la propria capacità empatica e d’ascolto; tre possono essere le utilità della nuova ed innovativa tecnologia:

1) La parte può allenare la propria comunicazione inerente i propri punti di forza e debolezza.
2) Il soggetto può immedesimarsi nella situazione emotiva altrui e migliorare le proprie capacità d’ascolto e riflessione.
3) Le parti durante il corso della mediazione on-line possono confrontarsi cercando una comune e concreta soluzione win-win.

1) La mediazione on-line è un utile strumento per allenare ad esprimere ed argomentare le proprie opinioni in un contesto complesso e spesso tensionale.

La parte nel corso della discussione può descrivere i propri punti di forza e cercare di difendere le proprie debolezze presenti all’interno della questione.

Esempio: in una mediazione tra dirigente e dipendente riguardante una problematica emersa sul posto di lavoro, il dirigente d’azienda può sottolineare la propria pregressa esperienza lavorativa in azienda e nascondere/occultare le proprie difficoltà nella gestione del proprio personale dipendente.

2) La mediazione virtuale permette di migliorare la propria capacità d’ascolto delle argomentazioni altrui; questo strumento allena la mente ad una apertura maggiore verso le motivazioni e sensibilità degli altri soggetti presenti.

Esempio: durante la mediazione, il dirigente d’azienda può immedesimarsi nelle argomentazioni ed istanze del proprio dipendente per migliorare, in futuro, la qualità lavorativa all’interno della sua azienda.

3) La mediazione on-line è un utile training per individuare e sviluppare una soluzione vincente “win-win” per tutti i partecipanti.

Valorizzare la mediazione quale strumento per una ulteriore possibilità di dialogo ed accordo coeso tra le parti. In un tempo determinato i soggetti cercano ed individuano, senza alcuna aspettativa, un possibile e concreto accordo vincente per entrambi.

Esempio: nella stessa azienda, due dirigenti in contrasto tra loro possono individuare un’univoca soluzione da presentare al Consiglio di Amministrazione della propria azienda facendo emergere una intesa individuata durante la mediazione virtuale.

La mediazione virtuale è stata, dunque, un utile training per migliorare le mie capacità di riflessione strategica, argomentazione, ascolto e dialogo costruttivo.

Dott. Andrea Boscato
Praticante Avvocato
Foro di Rovereto (TN)
~~~~